Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Visualizza l'informativa estesa.
Hai negato l'utilizzo di cookie. Questa decisione può essere revocata.
Hai accettato l'utilizzo dei cookie sul tuo dispositivo. Questa decisione può essere revocata.

Scalinata Monumentale

Categoria Leuca

L'acquedotto pugliese ha le sue opere terminali a Santa Maria di Leuca.

A conclusione del lungo serpentone di condotte è stata realizzata una cascata, che sfocia in mare, tra due scalinate in pietra, che collegano il promontorio japigeo con il porto pescatori.

L'acquedotto pugliese è tra i più importanti del mondo; le sue opere iniziarono nel 1906 e dovevano terminare dopo dieci anni, ma così non fu perché lo scoppio della prima guerra mondiale bloccò tutto. Conclusa la guerra i cantieri si riaprirono e si giunse nella marina nel 1939. La monumentale scalinata e la colonna romana, inviata dal Duce e giunta appositamente da Roma, ne segnarono le opere terminali. Alla cerimonia di inaugurazione era atteso Mussolini, ma a Leuca non giunse mai, rimase a Roma perché si era alla vigilia del secondo conflitto mondiale. Intervennero però il ministro Bottai, il vescovo di Ugento-Santa Maria di Leuca, Mons. Ruotolo, il podestà dell'epoca e tantissima gente.

 

  • Info e recapiti

Direttiva per la qualità dei servizi on line e la misurazione della soddisfazione degli utenti

Hai trovato utile, completa e corretta l'informazione?
  • 1 - COMPLETAMENTE IN DISACCORDO
  • 2 - IN DISACCORDO
  • 3 - POCO D'ACCORDO
  • 4 - ABBASTANZA D'ACCORDO
  • 5 - D'ACCORDO
  • 6 - COMPLETAMENTE D'ACCORDO
Torna a inizio pagina